23/03/2020 17:56
CORONAVIRUS ED ANIMALI DOMESTICI

L'EPIDEMIA DA COVID-19 SI STA DIFFONDENDO CON GRANDE RAPIDITA' NEL NOSTRO PAESE E NON SOLO. I PRIMI CASI DI CONTAGIO UMANO SI SONO VERIFICATINELLA CITTA' CINESE DI WUHAN E PROBABILMENTE HANNO AVUTO ORIGINE DAL CONTATTO DIRETTO DELLE PERSONE CON ANIMALI SELVATICI DI DIVERSE SPECIE MACELLATI SENZA ADEGUATE NORME IGIENICHE E VENDUTI NEL MERCATO CARATTERISTICO DELLA CITTA'. QUESTE PRATICHE POSSONO AVER FAVORITO IL SALTO DI SPECIE DEL VIRUS, CHE MUTANDO PUO' DIVENIRE UN PATOGENO TRASMISSIBILE DA UOMO A UOMO.

VISTO IL PROBABILE RUOLO INIZIALE DEGLI ANIMALI NELLA TRASMISSIONE ALL'UOMO SI E' DIFFUSO IL TIMORE CHE I NOSTRI ANIMALI DOMESTICI POSSANO ESSERE PORTATORI E DIFFUSORI DEL VIRUS.   ANCHE IL VIRUS DELLA SARS (SI TRATTAVA SEMPRE DI CORONAVIRUS), ORIGINATOSI DALLA CINA, FU ISOLATO IN GATTI DOMESTICI MA E' STATO POI DIMOSTRATO CHE QUESTA SPECIE ANIMALE NON ABBIA MAI AVUTO UN RUOLO NELLA TRASMISSIONE ALL'UOMO. I NOSTRI CANI E GATTI POSSIEDONO CORONAVIRUS SPECIFICI DI SPECIE CHE CONOSCIAMO DA TEMPO: NEL GATTO IL CORONAVIRUS FELINO(FCoV) IN CONDIZIONI NORMALI E' ASINTOMATICO O PUO' DARE INFEZIONI ENTERICHE PAUCISINTOMATICHE BENIGNE; LO STESSO VIRUS IN CASO DI ANIMALI DEFEDATI O IMMUNODEPRESSI PUO' MUTARE IN UNA FORMA IPERVIRULENTA CHE CAUSA LA PERITONITE INFETTIVA FELINA(FIP), MALATTIA SPESSO AD ESITO FATALE; NEL CANE SI CONOSCONO DUE TIPI DI CORONAVIRUS (CCoV tipo 1 e 2), RESPONSABILI IN GENERE DI MODESTE ENTERITI CHE SOLO ECCEZIONALMENTE POSSONO SFOCIARE IN FORME GENERALIZZATE ED IN IMMUNODEPRESSIONE. RECENTEMENTE E' STATO IDENTIFICATO UN CORONAVIRUS RESPIRATORIO CANINO ASSOCIATO AGLI AGENTI CAUSANTI LA TOSSE-BRONCHITE CANINA. 

CONCLUDENDO POSSIAMO AFFERMARE CHE E'ALTAMENTE IMPROBABILE CHE IL CONTATTO CON I NOSTRI ANIMALI RAPPRESENTI UN PERICOLO DI CONTAGIO PER L'UOMO, DAL MOMENTO CHE LA TRASMISSIONE E L'INFEZIONE DEL COVID-19 STANNO AVVENENDO SOLO DA UOMO A UOMO.